Lettera di Marcello Camilli a Padre Lino.

Caro Padre Lino, Le scrivo queste poche righe per scusarmi innanzitutto della mia assenza all’incontro con i rappresentanti della nuova Associazione “Castiglionesi nel Mondo”, avendole proprio io proposto l’invito; purtroppo, motivi strettamente personali mi trattengono, in questi giorni, a Bologna; Marco, Tiziana e Angela le sapranno dare dettagliatamente tutte le informazioni che riguardano l’Associazione.

Come avrà letto “Castiglionesi nel Mondo” persegue finalità socioculturali, turistiche e vuole custodire le tradizioni locali comprese quelle religiose. Padre Lino, posso testimoniare che l’esperienza fatta in questo periodo, andando a ritrovare tanti amici Castiglionesi ed aver conosciuto le loro storie, ha prodotto in me un convincimento: i cittadini castiglionesi che hanno lasciato il proprio paese d’origine per trasferirsi in altri luoghi dove hanno trovato migliori soluzioni lavorative, ambientali e famigliari, hanno portato in quei luoghi, con semplicità e umiltà, tanti valori positivi e si sono integrati con grande dignità.

Tu fratello Lino, (scusami ma il Tu è più facile, familiare e francescano…) sei, per noi, la più bella testimonianza, perché sei andato a portare la tua opera spirituale e materiale nei luoghi dove è nato, vissuto e poi condannato a morte, colui che è diventato il nostro Santo Protettore: Il SS Crocifisso; quale onore per te e per noi fratelli castiglionesi!

Per questi motivi, io penso che abbiamo fatto bene a creare questo gruppo CNM perché DOBBIAMO RACCONTARCI! Lo dobbiamo fare per aiutare a crescere il nostro Castiglione, soprattutto per i giovani (che ci hai raccomandato con insistenza), perché siano ispirati dall’esempio di questi paesani meno giovani, che hanno avuto coraggio, volontà e spirito di sacrificio nell’uscire dal paese per costruirsi una vita, ed hanno continuato a mantenere fede ed attaccamento alle proprie radici.

Cosa vogliamo da te? Io penso che è sufficiente una semplice ma efficace testimonianza della tua esperienza in quella Terra: LA PALESTINA, così importante ma così ancora, tanto inquieta!

Un Grazie grande ed un abbraccio fraterno.

Marcello Camilli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.