GIUSEPPE PATRIZI (detto Trapè) – LA CORSA CONTINUA

Dalle alpi alle piramidi, dal Manzanarre al Reno….
Scusate questo riferimento Manzoniano, mi è venuto spontaneo scriverlo al termine dell’intervista telefonica avuta oggi con l’amico Castiglionese “Trapè” ovvero Giuseppe Patrizi residente a Terno D’Isola (BG). (Il soprannome Trapè gli deriva dal campione di ciclismo degli anni 60 Livio Trapè di Montefiacone).
Peppe, confidenzialmente e con un lieve acquisito accento bergamasco mi ripete: “vedi Marcello, io quando ho un po’ di tempo, prendo su la bici e vado ancora…. Non mi fermo ancora sai…vado ancora sai! Vado con la bici e non mi fermo mica davanti al computer…. A quello ci pensa mia figlia!”.
Ed ancora: “Caro Marcello, se devo raccontarti la mia storia ci vuole un libro intero, perché è lunga sai, io ho girato per lavoro: Italia, estero, dovunque, se dovessi sommare i km fatti per lavoro ed in bici non finirei più….”

Giuseppe in allenamento sulla via Provinciale a Castiglione

Con questa premessa inizia la storia del nostro amico Trapè che:
Nasce nel 1947 a Castiglione in Teverina, vicino alla frazione di Sermugnano. I Patrizi erano una famiglia numerosa che viveva in un podere situato lungo la strada comunale Sermugnanese in prossimità del Ristorante – Pesca Sportiva denominato “Il Laghetto”.
Per dare un riferimento attuale, il nostro Trapè è lo zio di Gianni Patrizi titolare del Bar Corso 21 di Castiglione, cioè fratello del babbo Graziano.
A Sermugnano frequenta le scuole elementari nell’edificio che ha ospitato fino a qualche anno fa la scuola materna. In quel tempo esistevano ancora le classi unificate.
Frequenta poi l’INAPLI la scuola professionale di Orvieto dove prende l’attestato di tecnico e disegnatore meccanico.
Durante il periodo adolescenziale comincia la sua passione per il ciclismo che continua in forma agonistica fino ad essere un corridore dilettante con un gruppo ciclistico di Montefiascone.
Comincia anche a lavorare prima con Mocetti Mobili, poi saltuariamente svolge lavori di campagna con l’Azienda Belcapo e con una ditta di Orvieto che montava porte; questo gli consentiva di avere il tempo per gli allenamenti e per partecipare alle gare ciclistiche.
Raggiunta la maggiore età, raccoglie l’invito di due amici già avviati al lavoro lontano da Castiglione come: Filippo Caiello che vive tutt’ora a Terno d’Isola (BG) e Carlo Nocentini, residente a Fornole (TR) ed inizia l’esperienza lavorativa con la Ditta Bollani di Bergamo specializzata in montaggi di capannoni industriali metallici.
Dopo alcuni anni di girovagare come lavoratore dipendente decide di mettersi a lavorare in proprio come ditta artigiana, continuando l’attività di montaggio di macchine industriali e capannoni metallici. Ha lavorato per molti grandi gruppi italiani nel settore dell’imbottigliamento e confezionamento prodotti.
Nel 1973 sposa Anna Calabresi, con cui dopo alcuni mesi si trasferisce a Terno d’Isola (BG) sede della sua azienda, dove vive tutt’ora.
Il lavoro lo porta a spostarsi in varie parti d’Italia e del Mondo: Udine, Sicilia, Sardegna, Puglia, Piemonte, Africa, Turchia, Iran, ecc….
Ricorda durante il suo viaggiare per le varie Autostrade d’Italia di aver incontrato alcuni Castiglionesi lavoratori nei vari Autogrill, come Sergio Volentieri e Gianni Gozzuti, di altri non ricorda bene i nomi.
Nel tempo libero continua comunque la sua attività ciclistica come cicloamatore, partecipando a gare agonistiche fino a circa 5 anni fa, ora è solo un ciclista amatore.
La moglie Anna che ritroviamo nel gruppo delle “ragazze del maglificio”, lavora ancora saltuariamente in una impresa di pulizie per accumulare gli anni ed i contributi pensionistici.
Dal loro matrimonio sono nati tre figli:
– Catia nel 1974 sposata con un bimbo.
– Manola nel 1975 sposata, esercita l’attività di Parrucchiera a Sotto il Monte (BG), la città di Giovanni XXIII°.
– Simone nel 1985 attualmente lavora e convive in Inghilterra.
Ora Giuseppe Patrizi è in pensione, ma non si ferma perché continua a percorrere km e mantenersi in forma con la sua bici.
La corsa continua…. Complimenti e Auguri Peppe!!!

27 febbraio 2011                                                                                                                                                   Marcello Camilli.


6 risposte a "GIUSEPPE PATRIZI (detto Trapè) – LA CORSA CONTINUA"

  1. gianni gozzuti 28 febbraio 2011 / 14:58

    caro Marcello ho visto che hai parlato con Trapè, io vado a Bergamo di freguente poiche ho due cognati che ci vivono e ti prometto che la prossima volta che vado su andrò a trovarlo e gli porterò i saluti dei castiglionesi che lo ricordano. Un saluto. ciao Gianni.

    • Marcello Camilli 28 febbraio 2011 / 19:52

      Gianni, penso che gli farà molto piacere; quando mi ha parlato di te ha fatto riferimento al grill di Montecatini (meglio sull’autostrada FI – mare) e a tuo padre perchè non ricordava il tuo nome. Se vuoi l’indirizzo e telefono chiamami. Mi ha anche detto che su c’è il figlio di Giorgio Tarabù, che ha un distributore di benzina, Sergio Volentieri penso che lo sappia.
      Un salutone anche a voi. Ciao.

  2. LATTANZI MASSIMILIANO 4 marzo 2011 / 18:17

    UN SALUTO A TRAPE’ UN MITO NEGLI ANNI 60 PER TUTTI I RAGAZZI DI CASTIGLIONE IN TEVERINA
    LATTANZI MASSIMO(SARDINO)

  3. Giuseppe Scorsino 5 marzo 2011 / 02:25

    Caro Peppe, peccato che hai lasciato un pò castiglione. Però adesso che sei in pensione potresti farci qualche passaggio in più. Io vivo a Genova, ma vado spesso a castiglione, tanto per non dimenticare l’infanzia e la gioventù. Dato che abbiamo oltre che lo stesso nome anche la stessa età i ricordi degli anni 50 e 60 sono tanti. Per esempio mi ricordo quando venivi dal borgo e passavi avanti casa mia con la bici con Marinello. Ciao se leggi ti saluto.

  4. Patrizi Giuseppe 7 marzo 2011 / 13:33

    Ciao a tutti mi ha fatto piacere con questa bella iniziativa di Marcello essere riuscito a sentirvi e vi ringrazio speriamo di vederci presto a castiglione . Un saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.